Carrefour di Assago – Intolleranza verso un figlio autistico

Riprendo da ByoBlu ( http://www.byoblu.com/559c7b7f-… )

Quando avere fretta prende il sopravvento sul tempo, sul nostro tempo, è un brutto segno. Quando una civiltà perde il rispetto per il sacro, è un brutto segno. Un bruttissimo segno. Quando neppure a un bambino è concesso di sognare, perché non c’è tempo, allora è proprio finita.

Chi non ha rispetto neppure per un bambino, non è più un uomo. E non è più una donna.
Non è più niente.

Barbara è la mamma di un angelo biondo. Alexander ha quattro anni e mezzo. E’ un tipo taciturno. I dottori lo chiamano autismo, ma le parole sono illusioni …

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.