Astensionismo Attivo. Vademecum

Scheda elettorale, elezioni 2008

UPDATE: per l’aggiornamento leggete qui.

UPDATE 2: L’astensionismo attivo è possibile. Per maggiori info potete fare riferimento qui.

“Astensionismo attivo” ovvero rifiuto della scheda.

Come ben sapete l’astensionismo passivo non fa percentuale di media votanti e riguardo alle elezioni legislative il nostro sistema di attribuzione non prevede nessun quorum di partecipazione (a differenza dei referendum dove è richiesto un quorum del 50%+1 degli elettori).

Quindi se anche per assurdo nella consultazione elettorale votassero tre persone, ciò che uscirebbe dalle urne sarebbe considerata valida espressione della volontà popolare e si procederebbe quindi all’attribuzione di tutti i seggi in base allo scrutinio di tre schede.

Altresì le schede bianche e nulle, che sono percentuale votante, vanno a formare un unico cumulo da ripartire nel cosiddetto premio di maggioranza…. (per assurdo sempre votando bianca o nulla se alle prossime elezioni vincesse Berlusconi le suddette schede andrebbero attribuite -tutte- nel premio del PDL).

Scheda elettorale, elezioni 2008

Esiste però un metodo astensivo, che garantisce di essere percentuale votante (quindi non delegante) ma consente di non far attribuire il proprio non-voto al partito di maggioranza.

E’ infatti facoltà dell’elettore di recarsi al seggio e una volta fatto vidimare il certificato elettorale, avvalersi del diritto di rifiutare la scheda, assicurandosi di far mettere a verbale tale opzione.

E’ possibile inoltre allegare in calce al verbale, una breve dichiarazione opzionale, nella quale l’elettore ha il diritto di esprimere le motivazioni del suo rifiuto (es. nessuno degli schieramenti qui riportati mi rappresenta).

Tale sistema rende inattribuibile il voto, in quanto la legge consente solo l’attribuzione delle schede contenute nell’urna al momento dell’apertura della stessa, creando una discrepanza tra percentuale votanti e voti attribuibili e di conseguenza un problema di difficile, se non impossibile attribuzione di seggi; infatti in linea teorica se la quantità di schede rifiutate raggiungesse la quota di voti necessaria per l’attribuzione di un seggio, tale seggio non potrebbe essere attribuito.

Se vi interessa, se credete che sia una proposta interessante, diffondetela!! Anche solo per “sapere di poterlo fare”

Link Utili

Vi consiglio vivamente di leggere le indicazioni sul Rifiuto o restituzione con verbalizzazione delle schede: riferimenti normativi e prime indicazioni del sito riforme.net.
Sto controllando inoltre la veridicità giuridica del sistema e al momento ho trovato questo post interessante, dove oltre alla procedura passo passo c’è un link alla camera dei deputati. L’articolo è il 104, comma 5.

UPDATE:

L’amico Diego ha segnalato un interessante articolo di Silent, nel quale si chiarisce che l’astensionismo attivo non è attuabile, così come viene indicato dai vari siti, ed equivale ad un non voto.

Annunci

13 Risposte

  1. Caro Bisco,
    come ho avuto modo di spiegare altrove questa leggenda metropolitana del premio di maggioranza degli astenuti (o coloro che annullano la scheda) è nata per convincere appunto i più indecisi a votare comunque.

    Infatti io come tanti altri opteremo per il RIFIUTO VERBALIZZATO. Ma capirai da solo che non tutti se la sentono di discutere col presidente di seggio e di rendere pubblico il loro DIRITTO A NON VOTARE!

    Trovo un po’ pericoloso questo aut-aut. O rifiuti con tutta la macchinazione o voti. No. Hai anche il diritto (che non agevola nessuno se siamo una democrazia decente, perché la scheda nulla E’ NULLA) di scarabocchiare la tua scheda e renderla inutile ai fini elettorali.

    Ti allego qui

    http://oknotizie.alice.it/info/30914a41baed2d76/le_schede_bianche_alla_maggioranza_una_bufala_metropolitana._non_seminiamo_ignoranza_per_favore..html

  2. Grazie mille per l’intervento. Devo dire che non mi sono convinto al 100%. Il materiale fornito ai fini del rifiuto è molto ampio e per questo alcuni dubbi rimangono.

  3. vi lascio il contributo di letizia a spaziofonati.wordpress.com:
    fatene tesoro, ma più di questo… mettetelo in pratica che forse è meglio.

    alle 8 di questa mattia ero già al seggio !!! Ho aspettato che timbrassero le mie schede e quando me le hanno date, NON LE HO TOCCATE e ho detto chiaramente che esercitavo il mio diritto di NON RITIRARE le schede per protesta !!!! DSopo qualche secondo di “silenzio” il presidente di seggio mi ha detto : ” allora vada a casa !!!” e io : ” No, io sono qua per esercitare il mio diritto/dovere al voto, ma voglio che sia messo a VERBALE che non ho ritirato le schehe e voglio che sia verbalizzato il MOTIVO per cui non ritiro!!!” …..PANICO tra le fila!!!! Hanno dovuto telefonare in comune, non sapevano cosa fare neppure lì !! Io ho citato il D.P.R. del 1957 ART. 104 e gli ho dimostrato che ero “preparata” Bene….ce l’ho fatta, dopo 10 minuti ha richiamato il comune, come per “magia” è saltato fuori il verbale su cui scrivere, hanno scritto (in duplice copia, cioè camera e senato) il mio nome, cognome, data nascita e indirizzo e il motivo del mio rifiuto: Nessuno in queste schede mi rappresenta e questa legge elettorale è una farsa!!!! Quindi andate tutti al seggio ed esercitate questo diritto, più siamo e più dovranno tenere in consederazione che noi non NE POSSIAMO PI§ di questa presa per i fondelli !!!!! Un saluto a tutti !!! maria letizia.

  4. Io ho votato stamattina e il presidente di seggio molto cordialmente ha allegato la mia protesta:
    “Nessuno dei Candidati mi rappresenta” Ha poi preso il numero di certificato elettorale lo ha timbrato e restituito.
    HO UN VERBALE CON LA MIA CONTESTAZIONE E’ UN GRAN GIORNO PER LA DEMOCRAZIA SECONDO ME !!!!

  5. SE VI SENTITE DI FARLO, FATELO A ME HA FUNZIONATO OGGI !!!
    http://www.marcocostarelli.wordpress.com

  6. […] procedimento non è poi tanto complicato e se vi dice bene, qualcun altro l’avrà già fatto per […]

  7. Anche io l’ho fatto..e sono stata trattata malissimo e con disprezzo!
    Ho dato le mie motivazioni, mi son fatta trovare molto più preparata di loro..
    Ma l’arroganza, la maleducazione e la strafottenza è stata indescrivibile!
    Io però..ho protestato!
    E sono contenta di vedere che siamo in parecchi a non aver ceduto a frasi come “entri lo stesso nella cabina ed annulli la scheda”..
    UN PRESIDENTE DI SEGGIO NON PUò MINIMAMENTE INTERFERIRE CON IL VOTO DELL’ELETTORE!!!!!!!!!!!!!!!

  8. Cazzate. Schede bianche o nulle non contano per l’atribuzione del premio di maggioranza (e comunque… che caXXo vorrebbe mai dire? il premio di maggioranza e’ attribuito a chi prende piu’ voti.. quindi a che cazzo servirebbe attribuirgli le schede bianche/nulle??).
    Non votando, annullando le schede o qualunque altro comportamento che non esprime un voto per un partito, vuol dire votare per Berlusconi. Tutto qui. Silvio ringrazia.

  9. Purtroppo nel mio seggio elettorale per incompetenza e ignoranza della presidente di seggio e dei suoi scrutatori non sono riuscita far mettere a verbale le motivazioni della mia astensione attiva a questa “farsa” elettorale. Mi hanno detto e ripetuto che, per la legge sulla privacy, non potevano mettere a verbale (al che ho risposto che non volevo usufruire della legge sulla privacy) i motivi della mia astensione, successivamente che non avevano materiale su cui verbalizzare, poi che non c’erano indicazioni del prefetto sull’argomento e poi ancora che non potevano assolutamente farlo. Ho rinunciato per sfinitezza e per amarezza. Sottolinero però incompetenza, ignoranza ed arroganza, (arroganza specie di una scrutatrice, non della presidente di seggio). Comunque mi è stato negato un mio diritto. Per consolarmi (?!) la presidente di seggio mi ha detto di informarmi e di farle sapere (sic!) che cosa si poteva fare. Non ho parole!

  10. Andrea in parte ha ragione, ma solo per ora, non in assoluto.
    Supponiamo che ci siano un numero sempre crescente di persone che vengono a conoscenza dell’AstensionismoAttivo…molto provabile visto che in effetti i politici rappresentato solo i loro interessi.
    Supponiamo quindi che in futuro ci saranno una quantità di schede non attribuite, che accadrebbe? E’ quello che serve, e da qualche parte bisogna partire

  11. Finché i politici guadagneranno (per non parlare dei vari privilegi e sconti etc…) 200.000 € all’anno, IO, non mi sento rappresentato da NESSUNO di loro.

    ASTENSIONISMO ATTIVO!

  12. bisognerebbe costituire il partito degli astensionisti attivi e, in caso di
    vittoria eleggere alla presidenza del consiglio il sig. nessuno, che a sua volta formerà il governo con ministri invisibili. E’ proprio questa la soluzione ?

  13. in una vera DEMOCRAZIA il POPOLO tutto conoscerebbe questo DIRITTO DELL’ASTENSIONISMO ATTIVO. SPECIALMENTE IN PRESENZA DI UNA LEGGE ELETTORALE ANTICOSTITUZIONALE. LA COSì DETTA ‘ IL PORCERLLUM’. NEPPURE GRILLO, NE I GRILLINI NE PARLANO, ANZI NEGANO QUESTA POSSIBILITà !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: