Signor giudice, m’hanno chiesto i sòrdi

alias: YouBid vuole querelarmi per diffamazione.

YouBid, noto sito di aste al ribasso, in una email strettamente confidenziale, ha chiesto di rimuovere il loro marchio registrato da questo articolo: Youbid, Bidplaza, Asteclick e altri nomi per una truffa?

Mi hanno quindi invitato a rimuovere ogni indicazione del marchio [omissis] per danni di immagine e diffamazione, poiché secondo loro, l’illegalità dell’articolo è data dal titolo in relazione alla ricerca della keyword “youbid” sui motori di ricerca, in particolare di Google.it

Di fatto viene mostrato il seguente risultato: “Youbid, Bidplaza, Asteclick e tanti altri nomi per una truffa … ” (occhio ai tre puntini). Non mostrando il punto interrogativo finale, la frase risulta essere una affermazione. Mi hanno chiesto quindi “la rimozione immediata del marchio registrato dal titolo dell’articolo o la modifica sostanziale dello stesso”.

Continua a leggere

Annunci

A Milano la mafia dei semafori truccati

“[…]Un affarone, visto che tra semafori truccati e autovelox piazzati in fondo a strade in discesa anziché nei pressi di scuole o ospedali – come lamenta il pm dell’inchiesta – riuscivano a calcolare le entrate di ogni anno, fino a sfiorare i 10 milioni di euro nel 2006 e una cifra di gran lunga superiore prevista per il 2008…”

Un controllo anche a Roma quando verrà fatto?

Fonte | La Stampa

Perchè è importante che Alitalia fallisca

Secondo voi, cosa accadrà alle tariffe quando la cordata italiana formata tra gli altri da Benetton e Gavio, proprietari di gran parte delle autostrade e soprattutto della tratta Roma-Milano, avranno ottenuto la proprietà delle due più importanti compagnie aeree del Paese?

La risposta sembrerebbe scontata, ma sono sicuro che autorevoli opinionisti in TV parleranno solo di “liberismo”, di “concorrenza dei prezzi” e soprattutto del “privato meglio del pubblico”.

Vi esorto a leggere i commenti oltre che l’ottimo articolo sui Signori delle Autostrade de La voce.info

Che bel piattino che hai preparato Silvio. Ora mancano solo Trenitalia, Sanità e Scuola e tutto sarà compiuto.

YouBid, BidPlaza, AsteClick. Le aste al ribasso sono vere?

Volendo trovare un servizio alternativo ad eBay, mi sono imbattuto in una serie di siti di aste al ribasso sponsorizzati tra gli ads di google. Sono tutti diversi ma tutti simili nella forma e nel contenuto.

Più cercavo e più scoprivo. Più scoprivo e più capivo che c’era qualcosa di strano.

Nota: su richiesta di YouBid sono stato costretto a modificare il titolo e il contenuto dell’articolo.

http://www.astapazza.com/

http://www.bidpremium.it/

http://www.youbid.it/

http://www.asteclick.it/

http://www.bidplaza.it/

http://www.bidlife.it/

La cosa che salta subito all’occhio è che sono tanti, troppi. Perché esiste UN solo sito di aste tipo eBay e una miriade di siti di aste al ribasso?

Per capire meglio cosa intendo basta fare qualche ricerca mirata su ciao.it, ma anche su google.

Nella blogosfera però ho trovato un ottimo articolo di revhack, che ha poi aperto un blog sull’argomento leastealribasso.wordpress.com, dove sono riuscito a capire che non è proprio una truffa e che a tutti gli effetti si tratta nè più nè meno di videopoker o del gioco del lotto.

Cosa si vince:

I “premi” variano da sito a sito. In molti puoi trovare premi come ad esempio Notebook, palmari, lettori Mp3, TV in altri puoi trovare vacanze, automobili e addirittura case!

Truffa o no?

Ed a questo punto starai pensando “Non ci credo che con € 0,02 posso vincere prodotti da anche più di 1000 €, ma cosa ci guadagnano loro? Sicuramente è una truffa!”.

Beh è normale.. molti hanno fatto lo stesso tuo ragionamento (anche io all’inizio!), ma il guadagno per il sito c’è e ora te lo spiego.
Solitamente il prezzo per fare un’offerta si aggira sui 1,50€ – 2,00€ (a seconda del sito)
Metti caso che ad un’asta di un Notebook da 1200 € partecipino 300 persone e che ognuna di queste faccia più o meno 10 offerte. Facendo una semplice calcolo 300×10 = 3000€ si può vedere benissimo che il sito ci guadagna più del doppio!! Naturalmente questo è un esempio minimo perché ci sono molti più utenti, che puntano anche molto di più!

Update: 18/11/2013

poche parole per comunicarvi che i siti di aste a ribasso sono stati chiusi (casualmente) per frode: http://www.sostariffe.it/news/2010/03/26/youbid-aste-a-ribasso-siti-chiusi-per-frode/ Che debba ripristinare il vecchio nome?

123

Perché non andare a vedere Madonna a Roma

Madonna ha annunciato le date dello “Sticky & Sweet Tour” che partirà il 23 agosto da Cardiff (Galles) e che toccherà anche Roma, il 6 settembre 2008 allo Stadio Olimpico.

Un consiglio da uno che è stato fregato, insieme ad altre migliaia di persone, due anni fa al “Confessions Tour” del 6 Agosto: non buttate i vostri soldi.

Boicottate un’artista che ha rispetto per i fan italiani come per le blatte e che non ha minimamente curato un concerto tanto sperato e tanto pagato.

Io e la mia ragazza ci siamo andati – 4-5 ore di fila, neanche ricordo – 1 ora di ritardo per aprire i cancelli e poi l’amara scoperta.

Il palco era stato montato bassissimo, così come i maxischermi, e solo i 4mila che erano prima delle transenne (e quindi a ridosso del palco) vedevano bene; gli altri 60mila se la sono presa nel culo alla grande. E se non bastasse, le luci dell’olimpico erano praticamente tutte accese, togliendo qualunque tipo di atmosfera ad un concerto asettico e senza inventiva.

Continua a leggere

Tu guardi la Est, ma il tifone arriva da Nord

Vino tossico

E’ fresco di oggi l’articolo dell’Espresso sull’operazione messa in piedi da due procure e una squadra speciale nei confronti della più grande sofisticazione alimentare mai avvenuta in Italia.

Al momento 20 cantine vinicole sono sotto sequestro per la falsificazione di 70 milioni di litri di vino. Dalle analisi si è riscontrato che la percentuale di vino presente in ogni litro era del 20-40%, mentre la restante parte era composta da una pozione di acqua, sostanze chimiche, concimi, fertilizzanti e persino una spruzzata di acido muriatico. Veleni a effetto lento: all’inizio non fanno male e ingannano i controlli, poi nell’organismo con il tempo si trasformano in killer cancerogeni.

Dopo la scoperta del Brunello taroccato un’altra piacevole scoperta ci giunge dal made in Italy. Ci preoccupiamo della Cina e dei prodotti provenienti dall’Asia (allarmandoci in maniera quasi terroristica), ma diamo poco peso alle porcate nostrane.

Penali slot machine annullate: 98 miliardi di euro in fumo

video_poker.gif

Apprendo oggi da Aghost che il TAR ha annullato tutte le penali per l’evasione, da parte dei gestori di slot machine e video poker, di 98 miliardi di euro di tasse non pagate.

Il fisco quindi si è visto sfumare nel nulla l’equivalente di ben 10 finanziarie. Complimenti ai giudici che hanno decretato la sentenza. Spero vi siano ricorsi, perché io, quei 98 miliardi di euro, non li voglio tirare fuori. Neanche un centesimo, visto che non ho mai giocato al video poker.